Il portale di informazione in cui troverete notizie su: Attualità, Sport, Economia, Salute, Moda e Società

Obesità contagiosa come il raffreddore

Obesità contagiosa come il raffreddore

Gen 29, 2009



Possibile che i “chili in più” siano contagiosi come un raffreddore?
Sembra di sì…
L’adenovirus, un virus noto e altamente contagioso, responsabile del mal di gola e del “naso che cola”, sembra essere anche una delle cause dei chili di troppo.
Secondo i ricercatori statunitensi del Pennington Biomedical Research Centre, in Louisiana, l’obesità, si contrarrebbe esattamente come un comune e fastidioso raffreddore, a causa soprattutto di mani sporche e colpi di tosse, le vie più comuni attraverso le quali si fa strada l’adenovirus.

“Quando il virus raggiunge il tessuto cutaneo – spiega Nikhil Dhurandhar, coordinatore della ricerca  – si replica, facendo più copie di se stesso. Il processo aumenta il numero di nuove cellule grasse, il che spiegherebbe perchè il tessuto adiposo cresce e perchè la gente ingrassa quando si infetta con questo virus”.

Tutto ciò è stato provato da un test di laboratorio condotto su gruppi diversi di topi e polli, i quali una volta infettati con l’adenovirus, ingrassavano molto più rapidamente di quelli sani, e questo a parità di cibo consumato.
Un altro test ha, inoltre, ha dimostrato che il raro virus è presente anche nelle persone magre, ma in percentuale tre volte minore rispetto alle persone grasse e che l’aumento del peso può durare anche tre mesi prima che il corpo maturi una resistenza.

Nonostante gli esiti della ricerca, comunque, gli stessi studiosi hanno però riconosciuto che ci potrebbero essere altre ragioni per cui le persone sono in sovrappeso e dunque “non ha senso che tentino di evitare il virus”.
Anche perchè, per realizzare un vaccino contro il virus, ci vorranno 5 o 10 anni almeno.

404