Il portale di informazione in cui troverete notizie su: Attualità, Sport, Economia, Salute, Moda e Società

“Google”, sfida Facebook e Twitter presentando “Google Buzz”



Google Buzz, l’organizzatore dei social network messo a punto dal colosso di Mountain View, per tentare di mettere in ordine il mondo variopinto, e che va in tutte le direzioni, dei vari Facebook, MySpace, Twitter, Flickr, Linkedln e SmallWorld. Facebook medita di fornire un servizio di posta elettronica? E Google risponde trasformando l’e-mail in una sorta di social network.
Anzi, di più. Gmail assorbe molte funzioni tipiche delle reti sociali per rintuzzare il sempre più numeroso popolo di Twitter, Facebook & co. Secondo Nielsen, gli utenti delle reti sociali sono ormai oltre 300 milioni, contro i circa 280 milioni di persone che fanno uso della posta elettronica. Con Buzz gli utenti di Gmail hanno a disposizione cinque opzioni. Auto following, Condivisione veloce, Condivisione pubblica e privata, Integrazione Inbox e Filtro. Chi utilizza “Gmal” il troverà nella schermata principale una nuova etichetta, chiamata appunto  “Buzz “, nella quale apparirà automaticamente qualunque contenuto condiviso dai propri contatti Email e chat. Proprio come con Facebook, si potranno pubblicare foto, testi, link, immagini prese da Internet o da Flickr.
Per ogni contenuto si potrà decidere se condividerlo con tutti, vedendolo apparire anche nel proprio profilo pubblico o solamente attraverso i propri contatti. Google Buzz sarà strettamente collegato con la casella “Posta in arrivo di Gmail”, che si aggiornerà quando è presente un commento o una replica a un contenuto pubblicato dall’utente, con la possibilità di scartare, manualmente ma anche automaticamente, i messaggi che non interessano. Ci sarà la funzione del riconoscimento vocale e l’integrazione automatica con Google Maps. Non solo arriva all’interno di Maps aggiornato con nuove funzioni a iniziare dalle versioni del software per iPhone, Symbian, Windows Mobile e Android le altre piattaforme saranno supportate a breve.

 

404